Ruderi & Pavone
di Alessandro Pecorari (01/05/04)
In una bellissima giornata passeggiamo tra vigne, boschi e
lungo i prati dove le stradine bianche si perdono tra curve e bivi.
All'improvviso si apre tra il verde della nuova vegetazione
un rudere di un vecchio insediamento artigianale, diroccato, bruciato
e un pavone dalla coda lunghissima, variopinta, nobile.
Uno spettacolo a quattro metri da terra che dimostra
la costante rigenerazione della natura, pare dica: il banco vince.

Vedete l'occulto, la foto stata scattata di nascosto (Mossa 25.4.04).