Il concentratore
di Alessandro Pecorari (29/07/02)
Rimangono distesi frammisti all'erba i verdi grappoli in questi giorni diradati.
Il tempo staziona sul bello, caldo e ventilato; tutte le uve, chi prima e chi dopo, mostrano i segni dell'invaiatura.

Il diradamento: il suo tempo, di chi rimane e di chi si ferma. Questa pratica un requisito fondamentale per la concentrazione naturale di uve, mosti ed infine vini.